Magherini, sette persone a giudizio per omicidio colposo

acad-600

“La procura ha chiuso le indagini: si avrà la richiesta di rinvio a giudizio per 7 imputati. Per omicidio colposo. Lo dico così, semplicemente: la morte di Riccardo Magherini avrà un processo. Questo dopo tutte le fonti ufficiali che avevano rassicurato la cittadinanza ed i testimoni sul fatto che tutto era stato fatto perfettamente e “secondo protocollo”. Ma i Magherini sono tosti… comincio a capire che vuol dire per un fiorentino essere nato a Borgo San Frediano”. Questo l’annuncio di Fabio Anselmo, l’avvocato della famiglia Magherini.

Restano dunque indagate 7 persone: 4 militari e 3 sanitari, per omicidio colposo: in un primo momento, dopo la denuncia fatta dai familiari, i carabinieri erano accusati di omicidio preterintenzionale.

Le cause del decesso di Riccardo sono l’assunzione massiccia di cocaina e l’asfissia dovuta, quest’ultima, anche alle modalità con cui operarono i militari. Secondo quanto risulterebbe nell’avviso chiusura indagini, le modalità con cui Magherini venne immobilizzato ed ammanettato furono imprudenti e difformi ad una direttiva del Comando generale dell’Arma. Ai tre sanitari viene contestato di non aver valutato correttamente la situazione e di non essere intervenuti per limitare gli effetti dell’asfissia.
L’asfissia, secondo i periti, poteva essere evitata se l’uomo fosse stato alzato o, comunque, in una posizione diversa da quella prona in cui era costretto dai militari che non rispettarono “le indicazioni internazionali”.

Domani a Firenze ACAD Associazione Contro gli Abusi in Divisa si unirà alla famiglia Magherini per dare l’ultimo saluto a Riccardo. L’appuntamento è alle ore 10.30 presso il cimitero di Soffiano, Via di Soffiano 190.

Oggi 26 settembre sono anche nove anni dall’omicidio di Federico Aldrovandi, massacrato di botte a Ferrara durante un fermo di polizia. Per la sua morte sono stati processati e condannati a 3 anni e 6 mesi di carcere quattro poliziotti, che però sono tornati in servizio a gennaio scorso.

image_pdfimage_print

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Continuando ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo. Grazie

Chiudi