Il test (e il guanto). L’AIDS esiste ancora

image_pdfimage_print

Oggi 1° dicembre è la Giornata mondiale contro l’AIDS. L’Aids, la sindrome di immunodeficienza acquisita causata dal virus HIV di cui si parlava tanto negli anni Ottanta, e adesso molto meno, non è stata estirpata. L’Africa è oggi il paese più colpito, ma l’Europa non sta ancora bene, e nemmeno l’Italia. Nel 2015 ci sono state 3500 nuove diagnosi, e molte di queste persone non avevano idea di essere malate. Non avevano fatto il test, che invece è importante per iniziare presto una terapia. Oggi infatti ci sono farmaci efficaci, e ci si può curare, ma non guarire: la malattia rimane, cronicizza. Oltre al test quindi è sempre molto importante prevenire il contagio, per esempio usando il preservativo.

Riccardo Naldini ha postato su Facebook un suo video che qualche anno fa ha vinto il primo premio al Queer Festival di Firenze. Non lo conoscevamo, ci sembra molto efficace, così lo rilanciamo qui.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Continuando ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo. Grazie

Chiudi