Inceneritore, anche El Diablo dice no

image_pdfimage_print

Piero Pelù sarà alle Piagge sabato 16 aprile per il lancio della prossima manifestazione contro il nuovo impianto di Case Passerini. Prosegue quindi il sodalizio tra Pelù e le Mamme no inceneritore, nato un anno fa in occasione di un suo concerto, quando il cantante accolse sul palco le “mamme” e il loro striscione. “La manifestazione doveva tenersi proprio il 16 aprile e Piero sarebbe stato con noi – ci spiega Isabella. Ma a causa del referendum è slittata al 14 maggio, quando invece non poteva venire. Così abbiamo creato quest’altra occasione per consentirgli di partecipare… inoltre, da tempo Piero voleva conoscere Don Santoro! E poi, quale luogo migliore della Comunità delle Piagge per continuare la nostra battaglia?”.

Pelù, come direbbe lui, “ci sente” davvero per questo tema, tanto da regalare al pubblico un mini concerto gratuito e alla causa tutta la visibilità data dalla sua presenza. Che si affiancherà a quella degli esperti: Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Europe e vincitore del Goldman Environmental Prize 2013, e Paul Connett, professore di chimica ambientale e fondatore della strategia Rifiuti Zero, che illustreranno tutte le buone ragioni per dire no all’inceneritore. E poi ancora tanta musica con Gaudats Junk Band – note dai rifiuti gestiti con creatività, accompagnati da I soci. Il tutto dalle 16 in poi al Centro Sociale Il Pozzo in Piazza Alpi e Hrovatin (ex via Lombardia).

“Anche se pare non ci siano più ostacoli alla costruzione dell’inceneritore, noi non ci arrendiamo. Intanto abbiamo chiesto i dati sulle analisi dell’aria che dovevano fare, poi siamo pronte a bloccare i cantieri. Dal Quadrifoglio ci danno di allarmisti e bugiardi, ma le bugie erano piuttosto nel loro libretto…” Isabella si riferisce all’opuscolo sui rifiuti distribuito da Quadrifoglio nelle scuole, dove si affermava che “i medici” smentiscono gli effetti dannosi degli inceneritori sulla salute. Il libretto è stato da poco ritirato dopo una valanga di proteste di genitori e insegnanti, indignati dalla propaganda spacciata ai bambini per verità scientifica.

Sabato 16 alle Piagge sarà possibile partecipare alla Campagna “Io ci metto la faccia“, facendosi fotografare dentro l’apposita cornice con lo slogan #unvisifafare (traduzione per i non fiorentini: non ve lo facciamo fare). E anche acquistare una delle splendide borracce in acciaio con il logo delle “mamme”, create da loro e prodotte da un’azienda di design, borracce ecologiche ed igieniche pensate per evitare l’uso delle bottigliette in plastica. Il progetto della borraccia ha partecipato al premio della Settimana Europea del Riciclo e Riuso, risultando tra i finalisti. “Ad oggi – scrivono le mamme sul sito – siamo a 700 borracce di acciaio prodotte, che vuol dire aver evitato in un anno la produzione e lo spreco di 109.200 bottigliette di plastica e l’emissione di 8736 Kg di biossido di carbonio”. Insomma, non solo protesta ma idee intelligenti e innovative per affrontare la questione rifiuti.

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/541368862700974/?ref=98&action_history=null

Sito web Mamme no inceneritore: http://www.mammenoinceneritore.org/

c.s.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Continuando ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo. Grazie

Chiudi