Problema rifiuti, davvero non ti riguarda? “Trashed” all’Odeon il 28 febbraio

image_pdfimage_print

Replica del film-documentario con Jeremy Irons sull’inquinamento da rifiuti

Eugenio Palmieri per l’Altracittà e Spazi Liberati

Il 23 gennaio scorso il cinema Odeon era stracolmo in occasione della prima nazionale dello sconvolgente documentario “Trashed” sull’inquinamento darifiuti. Il successo è stato tale che l’Odeon ha deciso di replicare con un altro spettacolo il 28 Febbraio alle ore 21, 30.

La prima è stata organizzata dal comitato contro la costruzione di nuovi inceneritori in Toscana ed altre organizzazioni locali. Tra i partecipanti c’erano anche come relatori Rossano Ercolini, di “Rifiuti Zero Italia”, ed il professor Paul Connett, uno degli ideatori della strategia Zero Waste (Rifiuti Zero), intervistato anche nel film.

Durante il dibattito che ha seguito la fine del film, Paul Connett ha polemizzato con le politiche di gestione dei rifiuti comunali, provinciali e regionali. Infatti gli effetti dannosi per l’ambiente di queste politiche, basate su discariche ed inceneritori, erano appena state mostrate dal documentario. Addirittura Connett si è spinto ad affermare che Sesto Fiorentino, dove si trova la discarica di Case Passerini, viene trattato dalle amministrazioni come la toilette di Firenze.

La strategia di Rifiuti Zero si basa invece, in ordine, su: prevenzione e minimizzazione della produzione di rifiuti; riuso e riciclo; e solo come ultima spiaggia sul recupero dell’energia dei rifiuti e sullo stoccaggio, che andrebbero ridotti al minimo, se non azzerati, perché costosi ed inquinanti.

Questa strategia è riuscita a portare risultati anche in grandi centri, come San Francisco, dove in breve tempo la differenziata ha superato il 75%, e San Diego, dove si mira addirittura al 90% (Firenze arriva solo ad un 45% circa, nonostante le sue minori dimensioni). Ciò ha portato inoltre, nei luoghi in cui è stata adottata, ad una riduzione dei costi di gestione dei rifiuti ed ha creato nuovi posti di lavoro.

Si consiglia quindi di approfittare di questa occasione per vedere il documentario, per farsi un’idea dei possibili rischi per l’ambiente delle attuali politiche, oltre che per capire cosa si può fare nella vita di tutti i giorni per diminuire la propria produzione di rifiuti.

http://www.trashedfilm.com
http://www.zerowaste.org
http://www.noinceneritori.org

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Continuando ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo. Grazie

Chiudi