25 schiavi uccisi a Lampedusa: ecco l’effetto delle leggi razziali berlusconiane

image_pdfimage_print

I 25 cadaveri

Ci hanno provato con tutte le forze a uscire da quel buco maledetto dove l’aria stava diventando sempre di meno e il caldo sempre più asfissiante. Ci hanno provato spinti dalla disperazione di chi si vede braccato come un topo in trappola. Uno di loro a un certo punto è anche riuscito a salire sul ponte della nave, a respirare per un attimo l’aria fresca, ma ha pagato caro quel gesto di ribellione. E’ stato preso e buttato a mare senza pietà. Gli altri, quelli che tentavano come lui di uscire dalla stiva, sono stati invece picchiati e ricacciati in fondo a quel buco nero dove hanno trovato la morte. «Gridavano per uscire dalla botola ma venivano ributtati giù. Chiedevano aiuto perché non avevano ossigeno», hanno raccontato i testimoni.

L’ultima tragedia dell’immigrazione nel Canale di Sicilia è ambientata in una stiva di due metri per tre, senza oblò né prese d’aria, con dentro 26 giovani africani, quasi tutti di origine nigeriana, e chiusa da una botola. Sopra, sul ponte del barcone lungo 15 metri e partito tre giorni fa dalla Libia, altri 270 disperati, ammassati anch’essi come bestie ma almeno con la possibilità di respirare. «Eravamo tantissimi – ha raccontato Hamed, un nigeriano di 25 anni -. Qualche libico, molti nigeriani, alcuni somali. Molti sono scesi sottocoperta perché tutti sul ponte non potevano starci». […]

*Il Manifesto

***

Bossi e Berlusconi

Arrivano a Lampedusa barche di scampati al mare. L’Italia è un Paese che prontamente prende possesso dei sopravvissuti, li rinchiude senza ragione, senza reato, senza sentenza, dentro prigioni (detti Centri) che altrove sarebbero definiti di massima sicurezza e li lascia in lunga attesa di un rimpatrio a volte assurdo, perché stiamo parlando di scampati a guerre e rivoluzioni. Molte volte le barche non arrivano. Assieme alla gang di governo di un personaggio ignobile, Muammar Gheddafi, avevamo, per un prezzo da pirati, organizzato un congegno detto “pattugliamento” allo scopo di provvedere – con navi, armi e ufficiali italiani – al “respingimento in mare” che vuol dire negazione di ogni diritto.

Quanti siano morti o lasciati morire durante quelle operazioni non lo sapremo mai. Poi Gheddafi è diventato un fuorilegge braccato nella sua terra, ma il governo italiano non ha avuto pudore a chiedere, in piena guerra, persino il sostegno della Nato per bloccare fuga e speranza dei rifugiati. La Lega di Bossi e Maroni si è espressa con una frase che resterà una vivida immagine di questa Italia: “Fuori dalle balle”. Ieri è arrivata a Lampedusa una barca di morti. Tutti coloro che erano stipati sotto coperta sono giunti cadaveri (esalazioni di anidride carbonica). Quella barca, come in un film dell’orrore, è un simbolo che non potremo dimenticare e che la Storia attribuirà all’Italia, alle sue leggi, al suo governo e – come in tutti i delitti di massa – al silenzio di molti.

Quei morti appartengono alla cultura distorta, ossessiva e perversa che ha spinto l’Italia al trattato con la Libia, al “pacchetto sicurezza”, alle leggi razziali della Lega Nord. Intanto quelli tra i profughi catturati vivi e rinchiusi nei “Centri” si rivoltano. Sta accadendo a Bari, perché tutto è negato nei centri e niente è garantito, dopo che la detenzione senza reato è stata arbitrariamente portata da sei a diciotto mesi. La Lega (il partito) cade a pezzi. Ma il danno fatto all’Italia, incattivita e imbastardita dalla sottocultura nazistoide di Borghezio, imposta dal ministro dell’Interno Maroni (che vieta ai giornalisti di visitare i suoi centri) resta grande. La rivolta contro lo sterminio, l’abbandono o la cattura dei profughi e rifugiati dovrebbe cominciare non nei Centri ma, per salvare la dignità del Paese, in Parlamento.

**Il Fatto

2 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Continuando ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo. Grazie

Chiudi