Per gli “ultimi” le chiese cattoliche rimangono chiuse. I valdesi “Colpiti dal silenzio della Curia”

image_pdfimage_print

Il pastore della Chiesa valdese: erano disperati, li abbiamo accolti.

di Mario Neri

Gajewski«Forse siamo stati ingenui, ma abbiamo agito d´istinto, spinti dalla voglia di aiutare il prossimo. Nessuno può privarci della libertà di dare accoglienza a persone disperate, che per due giorni hanno dormito al freddo». Pawel Gajewski, 45 anni, pastore della chiesa valdese fiorentina risponde così all´assessore Stefania Saccardi, che venerdì aveva accusato la sua comunità di aver gestito l´emergenza dei rom sgomberati dall´Osmatex in modo scorretto, senza un coordinamento con le istituzioni. «Ora l´assessore è fra i pochi ad averci aiutati trovando per i rom 23 posti letto. Ci ha colpito il silenzio della Curia».

Pastore, intende dire che ne avete sentito l´assenza?
«Sì. Sarebbe bastata una presenza fisica o solo una telefonata di solidarietà. Non c´è stato niente. Ma è un discorso che riguarda unicamente la curia, non la Caritas. Un silenzio che sbigottisce soprattutto perché questa è la settimana dell´unità di tutti i cristiani. Sarebbe stata l´occasione per fare qualcosa insieme, ma…».

E le istituzioni?
«Rispondo con i fatti. Qui sono venuti Valdo Spini, che si è mosso come valdese e come consigliere comunale, e l´assessore regionale Toschi. Prima di arrivare a Firenze, i colleghi piemontesi dicevano di invidiarmi perché stavo andando nella città della cultura e della solidarietà. Apprezzo la legge regionale sull´immigrazione, ma credo che gli standard culturali della Toscana siano esattamente quelli di tutto il Paese, fatti di chiaroscuri».

Cosa le lascia questa esperienza?
«Ho imparato a guardare i rom con occhi diversi. Ci sono differenze, ma non li integreremo imponendogli i nostri modelli sociali. Con l´aiuto del Comune abbiamo trovato un posto a tutte e 90 le persone. Alcuni andranno in una nostra villa a Reggello, a 15 pagheremo un albergo per due settimane, altri sono stati accolti dalle suore benedettine e dalla Chiesa dei fratelli, e alcuni torneranno in Romania».

Tutto grazie alle offerte dei valdesi.
«I soldi aiutano ma non servono a risolvere un´emergenza umanitaria. E´ grazie a persone come Debora Spini e Alessandro Sansone che abbiamo superato questo momento. Ora ci aspetta la fase B, per dare un futuro ai rom. Servono assistenti sociali e persone come Paola Reggiani, la sorella di Giovanna Reggiani, la donna che due anni fa fu massacrata e uccisa a Roma proprio da un rom. Mi sbalordisco ancora nel guardarla. Dal 2007 lavora con progetti umanitari a favore di famiglie rom ed è sempre stata qui. Trovatemi un esempio più alto di amore».

[Fonte Repubblica]

4 Comments

  1. maurizio sarcoli

    mwno male Firenze non è ancora finita: se le istituzioni riescono a reagire è segno che c’è una speranza. L’indifefrenza e le logiche monetarie non hanno ancora vinto. Sono commosso, psero che almeno per il periodo di gelo che viviamo sia garantito a queste persone il dirito alla vita, che si concretizza in psoto dove dormire.
    Grazie a chi ha aiutato in questa situazione e rifletta chi ignora i bisogni sociali e concreti delle persone per concentarrsi sulle citazioni dotte e vuote (Betori, se non si era capito) , maurizio sarcoli

  2. mimmo

    Vangelo di Matteo: 25,31-45
    “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.

    Il Vangelo si pratica con emozioni, sentimenti e fatti.
    Grazie a tutti quelli che si sono adoperati per ridurre le sofferenze di questi fratelli.

  3. Maria Teresa Vogel

    Grazie a tutti coloro che hanno dato accoglienza a queste persone in difficoltà.
    Maria Teresa Vogel

  4. Pingback: Alessandro Santoro torna a Firenze. Con Compagni di viaggio, venerdì all’Odeon | l'Altracittà

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Continuando ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo. Grazie

Chiudi